BOOKING ONLINE
Tel. +39 0578 63297 - E-mail: info@admiralpalace.it
Verifica disponibilità

Nei dintorni di Chianciano Terme

Esplora le crete senesi, la Val di Chiana, la Val d’Orcia oppure spingiti fino al Lago Trasimeno

Chianciano Terme
Dalla collina su cui sorge Chianciano Terme è possibile ammirare i suggestivi paesaggi della Valdichiana e della Val d'Orcia, terre dalle abbondanti messe fin dai tempi dei Romani,
quando venivano apprezzate specialmente per la produzione di olio, vino e grano.

Anche il centro termale di Chianciano, assai ricco di acque minerali ad azione curativa, attira turisti da ogni parte d’Italia. È circondato da colline boscose di querce, faggi, lecci e castagni e caratterizzato da un clima mite, immerso in un ambiente sano ed incontaminato.

Grazie anche alle preziose testimonianze etrusche che Chianciano tuttora conserva, ai visitatori offre diverse opzioni per un soggiorno sempre capace di coniugare la cura del corpo con escursioni a città d'arte, chiese, musei e rilassanti paesaggi.

Chianciano da gustare
Alla fine di queste giornate di vacanza in Toscana sarà ancora più bello gustare un altro lato di questa terra, quello enogastronomico. Anche voi potrete essere rapiti da prodotti amati in tutto il mondo, come l'olio extra vergine di oliva, vini come il Chianti, il Nobile di Montepulciano e il Brunello di Montalcino e cibi come la bistecca alla Fiorentina o il formaggio pecorino.

Montepulciano
La particolare collocazione sulla dorsale collinare fra Valdichiana e Val d' Orcia ha segnato la storia della città di Montepulciano, posta su un colle a 605 metri sul livello del mare,
da cui spazia sulle vallate e i territori del comune.

Il paesaggio è reso davvero gradevole dalle coltivazioni di olivi e vigneti e dai molteplici aspetti naturali della zona, come le colline cretose e i cipressi che modellano verticalmente il paesaggio.

Al centro del paese sono tante le cose da visitare.

La nobiltà del suo vino
Oltre all’imponenza dei suoi palazzi rinascimentali e all'elegante bellezza delle sue chiese, Montepulciano è conosciuta principalmente per il Vino Nobile,
uno dei vini toscani più apprezzati a livello internazionale.

Chiusi
Le fonti latine citano Chiusi come una delle più antiche città etrusche.

La città è famosa dunque per le sue necropoli, che occupano le colline e che fanno da cintura all’attuale abitato.

Nelle campagne coltivate e nei boschi, nel corso dei secoli e soprattutto nell’Ottocento, furono riportate alla luce oltre un migliaio di tombe.
Le sepolture sono scavate nella morbida pietra arenaria, la quale, se è vero che permise di riprodurvi persino le strutture lignee delle case e di dipingerne le pareti, ne ha tuttavia facilitato il degrado, per la sua scarsa consistenza, tanto da rendere opportuno limitare l’accesso ad alcuni ipogei più famosi.

Le più importanti sono: la Tomba della Scimmia (480-470 a.c.), la Tomba del Leone (510 a.c.) e la Tomba della Pellegrina (utilizzata dal IV al II secolo a.c.).

Il sottosuolo del centro storico è attraversato da una fitta rete di cunicoli etruschi, collegati con antichi pozzi e cisterne e spesso riadattati, nel corso dei secoli, a magazzini e cantine dei palazzi soprastanti. A Chiusi la visita a questo complesso sistema sotterraneo offre anche le suggestioni legate alla leggenda di Porsenna.

Il labirinto di Porsenna
Il Labirinto di Porsenna è sostanzialmente una serie di cunicoli di probabile epoca etrusca che intersecano quasi tutta Chiusi vecchia e che furono scavati con lo scopo di drenare le acque piovane. Nel labirinto non fu ritrovata la mitica tomba di re Porsenna che, secondo Plinio era stato sepolto sotto la città di Chiusi in un monumento dal basamento di 90 metri di lato e che racchiudeva un labirinto sormontato da piramidi e da una copertura di bronzo. 

La Val D’Orcia
La Val d’Orcia è una terra naturalmente luminosa e pulita nella quale il carattere agricolo dell’economia ha salvaguardato il rapporto uomo-ambiente,
elevandolo ad una dignità quasi ovunque sconosciuta.

La civiltà agraria delle Val d’Orcia, manifesta nei suoi spettacolari paesaggi, ancora oggi accoglie gli ospiti rendendoli testimoni attivi e partecipi di una sperimentata e sincera convivialità.

Il suo paesaggio
Il paesaggio della Val d’Orcia, caratterizzato da un susseguirsi di rilievi collinari, è segnato dal tracciato medievale della Via Cassia (o Francigena): un tracciato che trova lungo il percorso i centri principali di San Quirico, Castiglione, Radicofani, e sul diverticolo per la Valdichiana, Pienza e Montalcino.
Tra i centri minori, particolare rilievo assumono Bagno Vignoni, San Giovanni d’Asso e il piccolo borgo di Montisi.

Valdichiana
La Valdichiana è un ambiente dai profili dolci, dal clima mite e dalla rara prerogativa di accogliere una complessa ed interessante varietà di ambienti naturali.

Quello della Valdichiana è ritenuto uno dei territori più incontaminati d'Europa ed uno dei centri più raffinati della civiltà del pane, del vino e dell'olio.

L'ospite trova in questa zona l'ambiente ideale, grazie non solo alla bellezza del paesaggio e alla mitezza del clima, ma anche all'identità culturale del luogo,
salvaguardata nei suoi valori più profondi.

Qui, infatti, sono ancora ben vive e presenti nei musei, nelle aree archeologiche, nei monumenti, nei centri storici e nel paesaggio,
le testimonianze di una ininterrotta successione di culture (paleolitica, etrusca, romana, medioevale e rinascimentale).

A tutto ciò si accompagna la tradizionale ospitalità della popolazione che ha saputo realizzare accoglienti attrezzature disseminate nel verde della più bella e vissuta campagna toscana.

I suoi comuni
Il suo territorio è attualmente suddiviso in 20 comuni, di cui 8 in provincia di Siena (Cetona, Chianciano Terme, Chiusi, Montepulciano, San Casciano dei Bagni, Sarteano, Sinalunga, Torrita di Siena) e 8 in quella di Arezzo (Cortona, Castiglion Fiorentino, Civitella in Valdichiana, Foiano Della Chiana, Lucignano, Marciano della Chiana, Monte San Savino e Arezzo).

A questi occorre aggiungere lembi di territorio umbro appartenenti ai comuni di Castiglione del Lago e Città della Pieve in provincia di Perugia
Monteleone d’Orvieto e Fabro in provincia di Terni.

Siena
Circondata dagli ulivi e dalle vigne del Chianti, Siena è una delle città più belle della Toscana.

Sorta sulla cima di tre colli, la città è percorsa da ampi viali e stretti vicoli, che conducono al cuore della città, Piazza del Campo e a tutti gli altri edifici di richiamo culturale
come il Duomo e lo Spedale di Santa Maria della Scala.

Famosa per il Palio, la corsa storica a cavallo, che si tiene ogni anno il 2 di luglio ed il 16 di agosto, Siena è anche sede di una delle più antiche università d'Europa.

Le contrade
La città è divisa in diciassette contrade, o zone della città. Ogni contrada si scontra con le altre durante il Palio e la rivalità competitiva è parte integrante dell'atmosfera dei mesi precedenti l'evento. Dieci contrade sono selezionate per ogni corsa, ad ognuna di esse è assegnato un cavallo, che correrà nella corsa di Piazza del Campo, mentre migliaia di persone, tra spettatori e partecipanti, trasformano la piazza in un mare vivente.

Ci sono due corse del Palio tutte le estati: una il 2 di luglio e l'altra il 16 di agosto. I festeggiamenti hanno inizio tre giorni prima di ogni Palio, anche se già da una settimana prima diventa evidente la trepidazione per l'evento. Durante questi giorni ci sono banchetti, parate, benedizioni dei cavalli e festeggiamenti di ogni tipo. La piazza viene chiusa poco tempo prima dell'inizio del Palio e, dopo le eventuali false partenze, i cavalli partono ed è tutto finito, prima ancora che la polvere si sia abbassata. La contrada vincitrice festeggia poi per settimane, con banchetti e discussioni, mentre le contrade perdenti possono solo sperare di poter vincere la gara successiva, con più preparazione e fortuna.

Lo stupore per coloro che assistono a questa corsa tradizionale coglie gli stessi abitanti della città: il Palio è un fenomeno unico nel suo genere, che suscita forti emozioni, e gli abitanti di Siena lo considerano parte di loro stessi, essendo una tradizione fortemente radicata, un'esperienza da fare almeno una volta nella vita e da seguire nella vostra
vacanza a Chianciano Terme e dintorni.

Cortona
Costruita su un colle dominante la valle sottostante,  Cortona era un tempo fortezza umbra, ma tra il VII e l’VIII secolo a.c. passò sotto la dominazione etrusca.
Testimonianza della grande potenza etrusca e medievale che Cortona era, ci è data dalle imponenti mura che ancora oggi la circondano.

I monumenti principali da visitare: il Palazzo Pretorio, sede del museo dell’Accademia Etrusca, la Fortezza Medicea di Girifalco, la Cattedrale, il Museo Diocesano, la Chiesa di Santa Margherita, che domina il paese e il Convento delle Celle, fondato da San Francesco d’Assisi.

Offerte Speciali & Last Minute
Quando l’occasione rende l’uomo… furbo!
a partire da
209,00 €
a Persona
a partire da
299,00 €
a Persona
a partire da
89,00 €
a Camera
a partire da
299,00 €
a Persona
a partire da
59,00 €
a Camera
a partire da
89,00 €
a Camera
a partire da
99,00 €
a Persona
a partire da
129,00 €
a Persona
Pacchetti Wellness
Per ritrovare la giusta dimensione interiore e non solo
a partire da
129,00 €
a Persona
a partire da
139,00 €
a Persona
a partire da
169,00 €
a Persona
a partire da
69,00 €
a Persona
a partire da
1099,00 €
a Persona